Alessandra Spranzi alla galleria P420 di Bologna

La mostra Egli rincorre i fatti come un pattinatore principiante, che per di più si esercita dove è vietato di Alessandra Spranzi (Milano, 1962) alla galleria P420 di Bologna presenta opere recenti realizzate negli ultimi due anni: Esercizi, la nuova serie di fotografie a colori, e quattro video realizzati appositamente per l’occasione. Il contesto in cui le opere si trovano a dialogare è un luogo sospeso nel tempo che l’artista allestisce con tende bianche e verdi tipiche del periodo estivo.

Alessandra Spranzi lavora con l’immagine fotografica in modi e forme diverse: fotografando, rifotografando, raccogliendo, tagliando, indicando, cancellando. Interviene quando le immagini e le cose si allontanano dal loro uso e diventano, per così dire inconsapevoli di sé, delle proprie possibilità e della propria bellezza.

Le immagini create da Alessandra Spranzi ci lasciano in sospeso, sono immagini aperte, ma non per proporsi come una questione aperta allo spettatore, non per essere interrogativi, ma per salvaguardarne l’enigma, o comunque la profondità, una certa loro indicibilità intrinseca.

Come scrive Lisa Andreani nel testo critico che accompagna la mostra “Tra la prima e la seconda sala, vedremo, alcuni soggetti sono più protagonisti di altri. Le sedie sono in bilico, appoggiate ad un tavolo, in attesa di appropriarsi di una funzione di uso comune o forse più che altro in uno stato di esercizio. Oggetti straordinari, portatori di storia e storie. Implicazione di una gerarchia, tendenzialmente patriarcale, ma anche cose con la forza di saper giocare. La sedia è anche democratica, malleabile e confortevole.  L’altro soggetto, caldamente presente, è una forma circolare: palloni, arance, distese di frutti, una noce, una gamba di un tavolo.”

Egli. A cavallo, Metronomo (non farlo), Palleggi, Tovaglia al vento sono i lavori video che creano un intrigante e inaspettato ritmo visivo e sonoro. Prosegue Lisa Andreani: “La composizione visiva e musicale iniziata da questi oggetti e gesti immersi nel quieto vivere si espande nello spazio circostante, con una partitura polifonica ma pur sempre minimale. Il suono incrociato dei palleggi di un ragazzo e una ragazza, rispettivamente in uno spiazzo davanti al mare e in un cortile, partecipa attivamente attraverso un tratteggio del tempo a far ritrovare ognuno di noi nell’immagine che abbiamo davanti. Ma non sono queste le sole immagini in movimento: un uomo avanza con il suo cavallo durante una festa di paese, una tovaglia è mossa dal vento.”

In occasione della mostra è stato pubblicato il libro d’artista Esercizi edito in 100 esemplari.

(dal comunicato stampa della mostra)

Alessandra Spranzi
Egli rincorre i fatti come un pattinatore principiante, che per di più si esercita dove è vietato.
11 novembre – 20 gennaio 2024
Galleria P420
Via Azzo Gardino, 9
40122 Bologna

Alessandra Spranzi, Il grosso cedro (Esercizi), 2022-2023, fotografia a colori, cm.18,7x25,3, ed.3+2AP
Alessandra Spranzi, Metronomo (non farlo), 2023, video digitale a colori e audio, 1’34”, ed.3+2AP

Lascia un commento