“Fotografie ritrovate, non perse”, 168 immagini inedite di Elliott Erwitt. Contrasto books.

Fotografie ritrovate, non perse è una raccolta di 170 foto inedite del grande maestro Elliott Erwitt selezionate da lui in persona di recente. Immagini scattate nel corso di più di 60 anni: la prima è del 1947, l’ultima del 2010. Nel 2018, a 90 anni appena compiuti, Elliott Erwitt decide di rimettere mano ai suoi archivi cercando immagini mai pubblicate o solo vecchie vedute dimenticate, qualcosa che meritava di essere ritrovato e non perso. Per quasi due anni Erwitt ha visionato circa 600.000 immagini scattate nel corso della sua lunga e straordinaria carriera: da quelle scattate ad appena 17 anni e sviluppate nel bagno di casa fino ai più recenti incarichi in Scozia e Cuba. Mettendo da parte gli scatti più celebri e riconoscibili, con ormai alle spalle una carriera costellata di riconoscimenti e successi, Erwitt decide di guardarsi indietro e con gli occhi di oggi scoprire in vecchie immagini significati nuovi, invisibili quando erano state originariamente scattate. Dall’Europa del dopoguerra all’ex Unione Sovietica, dall’America Latina al Giappone, dagli Stati Uniti a Cuba: le immagini contengono alcuni dei soggetti ricorrenti nella produzione di Erwitt come i cani, i bambini, la vita nelle sue manifestazioni più gioiose e familiari. Non mancano foto scattate nel corso dei suoi celebri reportage di fotogiornalismo ma anche immagini profondamente personali che ritraggono ad esempio la prima moglie e la figlia Ellen.

Questo volume pagina dopo pagina offre l’opportunità di conoscere la nascita di uno sguardo, quello unico di un maestro della fotografia che ha fatto del suo punto di vista – sempre ironico, appassionato ma anche sensibile e partecipe nei confronti degli ultimi – un “marchio di fabbrica” subito riconoscibile.

Elliott Erwitt
Fotografie ritrovate, non perse
21,5×29 cm
232 pagine
173 fotografie in b/n
Contrasto book

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*